Malattie reumatiche e autoimmuni

Sclerodermia


altri focus in Malattie reumatiche e autoimmuni:


La sclerodermia è una rara malattia cronica autoimmune, assai più frequente nelle donne, che colpisce il tessuto connettivo (presente nella pelle, nelle mucose e negli organi interni) facendolo ispessire e indurire. Comprende un gruppo eterogeneo di varianti cliniche, caratterizzate da decorso e prognosi differenti a seconda che si tratti di forme localizzate alla pelle, senza coinvolgimento viscerale, o sistemiche.

approfondimenti

Aspetti generali

La sclerodermia è una malattia cronica del tessuto connettivo, a eziologia multifattoriale e patogenesi autoimmunitaria, caratterizzata dal progressivo accumulo di tessuto fibroso a carico della cute e degli organi interni. È la patologia del tessuto connettivo con la prognosi peggiore e ha effetti gravemente invalidanti che compromettono la qualità di vita dei pazienti, rappresentati non solo dai danni d’organo, ma anche dai cambiamenti nell’aspetto fisico dovuti alla sclerosi cutanea, all’atrofia muscolare e alle contratture articolari.
Sono circa 25.000 le persone colpite in Italia, con 1000 nuovi casi annui soprattutto tra le donne.
Clinicamente si distinguono forme di sclerodermia localizzate (Morfea e Scleroderma lineare che colpiscono preferibilmente l’infanzia) e generalizzate (cui appartiene la Sclerosi sistemica).
L’esordio della malattia è in genere caratterizzato dall’insorgenza del fenomeno di Raynaud, dalla comparsa di edema digitale (puffy fingers), dalla sclerodattilia (la cute delle dita diviene dura, adesa ai piani profondi, lucente, alterata dalla presenza di discromie prevalentemente iperpigmentate, eventualmente associate a calcificazioni sottocutanee e ulcere) e, nella maggior parte dei casi, dalla positività di autoanticorpi specifici. Gli autoanticorpi e la videocapillaroscopia sono considerati i principali strumenti diagnostici per indagare i pazienti nel sospetto di una Sclerosi sistemica in fase precoce.
Nella sclerosi “classica” la fibrosi simmetrica della cute delle dita può estendersi agli avambracci, al tronco e al volto. La prognosi è influenzata dagli organi che sono colpiti dalla malattia; di grave significato prognostico è l’interessamento cardiaco e renale.

Fenomeno di Raynaud

Nella maggioranza dei casi la sclerodermia è preceduta dalla comparsa del fenomeno di Raynaud, che consiste in un’improvvisa e fugace vasocostrizione delle piccole arterie e arteriole delle estremità (in particolare delle dita delle mani), tipicamente scatenata dall’esposizione al freddo o da stress emotivi.
Il fenomeno è caratterizzato da una prima fase (ischemica) che si accompagna a pallore cutaneo cui seguono una fase di cianosi e infine una di iperemia reattiva.
Le manifestazioni cutanee possono associarsi a dolore (più o meno intenso) e a parestesie.
Le manifestazioni vasospastiche che caratterizzano il fenomeno di Raynaud si verificano anche a livello viscerale e sembrano giocare un ruolo importante nello sviluppo della sclerodermia.

mostra tutti

Consulta il sito www.bollinirosa.it

AILS Associazione Italiana Lotta alla Sclerodermia

Via Gaetano Pini, 9 20122 Milano

Tel. 0258296675 – Fax 0236684721

http://www.ails.it

Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia

via Francesco Sforza, 35 20122 Milano

Tel. 0255199506 – Fax: 0254100351

www.sclerodermia.net

Lega italiana sclerosi sistemica

Tel. 0289866586 – Fax: 0245508381

http://sclerosistemica.info

As.Ma.Ra Onlus - Sclerodermia ed Altre Malattie Rare

Via Valsugana, 34 00141 Roma

Tel. 068546164 – Fax: 0685389884

http://www.asmaraonlus.org

SIR – Società Italiana Reumatologia
www.reumatologia.it

materiale download
Non ci sono ancora materiali da scaricare per questo focus.
Progetti correlati: