Fumo. Un nuovo rapporto Oms: “Ogni anno 6 milioni di morti. Sì ad aumento tasse su tabacco. Più guadagni per Stati e calo 9% dei fumatori”




10 Gen 2017

I numeri pubblicati nel report su Economia e controllo del tabacco. “I ricavi annuali dal consumo di sigarette a livello globale potrebbero aumentare del 47% se tutti i paesi elevassero le accise di circa 0,80 dollari per confezione. Inoltre, l’aumento delle tasse farebbe aumentare i prezzi di vendita in media del 42%, portando ad un calo del 9% del tasso di fumatori”. LO STUDIO

Il fumo uccide più di 6 mln di individui l’anno e tra spese sanitarie e perdita di produttività costa alla collettività più di 1.000 miliardi di dollari. Sono questi i numeri dell’ultimo studio ‘Economia e controllo del tabacco’ pubblicato dall’Organizzazione mondiale per la sanità e dall’Istituto Nazionale contro il cancro degli Stati Uniti d’America.

La ricerca in ogni caso evidenzia come funzionano le politiche di innalzamento delle imposte per frenare i consumi. “Tali misure possono anche ridurre notevolmente il consumo di tabacco e proteggere la salute delle persone dai principali assassini del mondo, come il cancro e le malattie cardiache”.

“L’impatto economico di tabacco sui paesi, e il pubblico in generale, è enorme, come questo nuovo rapporto mostra”, spiega Oleg Chestnov, OMS Vice Direttore Generale per le malattie non trasmissibili (MNT) e la salute mentale. “L’industria del tabacco produce e commercializza prodotti che uccidono milioni di persone prematuramente, derubano le famiglie delle risorsre che avrebbero potuto essere utilizzate per il cibo e l’istruzione, e imporre costi sanitari immense sulle famiglie, comunità e paesi”.

A livello globale, ci sono 1,1 miliardi di fumatori di tabacco di età compresa tra 15 anni o più, con circa l’80% vive nei paesi a basso e medio reddito. E circa 226 milioni i fumatori vivono in condizioni di povertà.

La monografia, citando uno studio 2016, afferma che i ricavi annuali di consumo di sigarette a livello globale potrebbero aumentare del 47%, o 140 miliardi di dollari se tutti i paesi elevassero le accise di circa  0,80 dollari per confezione. Inoltre, questo aumento delle tasse farebbe aumentare i prezzi di vendita al dettaglio di sigarette in media del 42%, portando ad un calo del 9% a tassi di fumatori e riducendo fino a 66 milioni il numero di fumatori adulti.

Ma non sempre le risorse delle tasse vengono investite in salute
. Nel 2013-2014, le accise sul tabacco hanno generato quasi 269 mld di fatturato ai governi. Di questi, però meno di 1 miliardo è stato investito nel controllo del tabacco.

“La ricerca riassunta in questa monografia conferma che gli interventi di controllo del tabacco evidence-based hanno senso dal punto di vista economico, nonché un punto di vista della salute pubblica,” dice il co-editore della monografia, Frank Chaloupka, del Dipartimento di Economia presso l’Università di Illinois a Chicago.

“Si stanno facendo progressi nel controllare l’epidemia globale del tabacco – rileva l’Oms -, ma sono necessari sforzi concertati per garantire che il progresso venga mantenuto o accelerato. Nella maggior parte delle regioni, l’uso del tabacco la prevalenza è stagnante o in diminuzione”.

Il rapporto evidenzia anche come “il potere di mercato delle aziende produttrici di tabacco è aumentata negli ultimi anni, creando nuove sfide per gli sforzi di controllo del tabacco. A partire dal 2014, le 5 maggiori aziende produttrici di tabacco hanno rappresentato il 85% del mercato globale delle ‘bionde’.

“Questo rapporto – afferma Douglas Bettcher, direttore dell’OMS per la prevenzione delle malattie non trasmissibili – dimostra come le vite possono essere salvate e le economie possano prosperare quando i governi attuano politiche di costo-efficacia, e misure collaudate, come l’aumento in modo significativo delle tasse e dei prezzi sui prodotti del tabacco, e il divieto di commercializzazione del tabacco e il fumo in pubblico”.

Da QS

Progetti correlati: