Gim, paladino di un sogno. Narrare la malattia oncologica e le pratiche di cura




3 Mag 2017

 GIM, PALADINO DI UN SOGNO

Narrare la malattia oncologica e le pratiche di cura

 

È indetta la VI edizione – 2017/2018 del concorso fotografico-letterario: “Gim, paladino di un sogno”. Il concorso è finalizzato a promuovere la narrazione della malattia oncologica come esperienza di vita e testimoniare l’esistenza di un mondo costruito sul lavoro di cura e del prendersi cura nella quotidianità delle persone ammalate di tumore. Un’ulteriore finalità del concorso concerne la raccolta di elaborati che possano costituire materiale didattico prezioso, impiegabile in percorsi formativi condotti in un’ottica di medicina narrativa.

Il tema del concorso è:

Il cancro come se fosse: un campo da gioco, un messaggero. una (ri)scoperta.

Possono partecipare pazienti ed ex pazienti oncologici, loro familiari e caregiver e operatori sanitari e sociali impegnati nelle pratiche di cura in ambito oncologico. Ogni partecipante potrà concorrere in una o più delle seguenti tre sezioni:

Narrativa: un racconto breve a carattere autobiografico o comunque ispirato alla propria esperienza di malattia o di cura, in lingua italiana, dattiloscritta in formato Word o compatibile (.doc, .docx, .rtf), scritta con carattere Arial dimensione 11, per una lunghezza massima di 6 cartelle (per cartella si intende un foglio Word di circa 30 righe). Fermo restando che ogni partecipante potrà concorrere, in questa sezione, con un unico racconto, viene data facoltà di presentare “fuori concorso” fino a 2 ulteriori opere.

– Poesia: una poesia in lingua italiana, dattiloscritta in formato Word o compatibile (.doc, .docx, .rtf), scritta con carattere Arial dimensione 11.

Fotografia: sono ammesse fotografie digitali a colori e in bianco e nero in formato .jpg.Ogni partecipante potrà concorrere con una fotografia o con un progetto fotografico composto da un massimo di 3 fotografie. Ogni fotografia potrà essere corredata da una didascalia della lunghezza massima di 140 caratteri.

Coerentemente con lo spirito del Concorso ogni partecipante potrà inviare ulteriori contributi narrativi (letterari e fotografici) contrassegnandoli in modo chiaro e inequivocabile come: “fuori concorso”. L’organizzazione si riserva di valorizzare tali contributi in contesti diversi (mostre, pubblicazioni in formato cartaceo o elettronico, portali e siti web, ecc.).

INFO

Gli elaborati dovranno essere identificati attraverso un titolo e pervenire in formato digitale, unitamente alla domanda di partecipazione, entro e non oltre il 30 novembre 2017 all’indirizzo: concorsoletterario@fondazionetempia.org. Non è previsto il versamento di una quota di partecipazione.

 

 

materiale download

informazione
Locandina
informazione
Cartolina
Progetti correlati: