EMERGENZA COVID-19 | I PAPÀ TORNINO IN SALA PARTO




12 Mag 2020

Condividiamo la lettera al direttore che Miriam Guana, Presidente Syrio (Società italiana di Scienze Ostetrico-ginecologico-neonatali) e Antonella Nespoli Presidente Sisogn (Società italiana di Scienze Ostetrico-ginecologico-neonatali) hanno scritto per sottolineare lo sconforto ed il senso di abbandono che stanno provando le donne in sala parto e in reparto, dove vi è il divieto della presenza del compagno o di un altro accompagnatore durante il travaglio. 

Gentile Direttore,
a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19 in molti presidi ospedalieri del territorio nazionale nel fare riferimento al distanziamento sociale si continua ad applicare il divieto della presenza del compagno o di altro accompagnatore durante il travaglio, in sala parto e in reparto. Il divieto di accesso ai servizi dell’area nascita a compagni e a persone di riferimento delle gestanti, non sempre peraltro esplicitato in maniera corretta e chiara, sta destabilizzando le partorienti; lo sconforto ed il  senso di abbandono  stanno  comportando alle  donne/coppie momenti di forte sconforto che oltre a determinare gli evidenti disagi, condizionano  i diversi processi della nascita quale evento bio-psico- sociale carico di emozioni e di valenze affettive, influenzandone l’ andamento e ed il buon esito. 

Le evidenze scientifiche: papà persona di riferimento della gestante in sala parto. 
Secondo le società scientifiche di ostetriche SYRIO e SISOGN, i suddetti divieti applicati in modo inappropriato non tengono  conto delle evidenze scientifiche recepite da istituzioni e società scientifiche nazionali ed internazionali:

– la WHO – World Health Organization attraverso il “Q&A on COVID-19, pregnancy, childbirth and breastfeeding” [1] dedicato all’informazione delle partorienti, secondo il quale “Tutte le donne in gravidanza, comprese quelle con infezioni COVID-19 confermata o sospetta, hanno diritto a cure di alta qualità prima, durante e dopo il parto. Ciò include l’assistenza prenatale, neonatale, postnatale, intrapartum e della salute mentale. Un’esperienza di parto sicura e positiva comprende: (…) Avere un compagno di scelta presente durante il parto;

– il RCOG – Royal College of Obstetrician & Gynaecologists, fino all’ultima versione pubblicata del documento “Coronavirus (COVID-19) Infection in Pregnancy

Information for healthcare professionals” [2], nei quali è costantemente ribadita la fondamentale importanza di non lasciare la donna sola, dal punto di vista del diritto alla presenza di un “birth partner”;

l’ISS – Istituto Superiore di Sanità,  attraverso gli aggiornamenti nazionali e internazionali in materia “COVID-19 in gravidanza, parto e allattamento” [3], raccomanda espressamente, richiamando numerosi studi,  la presenza del partner o di persona di fiducia scelto dalla donna.  Sostiene la modifica dei normali protocolli dei Presidii per la corretta gestione dell’accompagnatore della partoriente, adottando a tal fine tutte le cautele per evitare il diffondersi del contagio nel reparto e la messa a rischio delle altre donne presenti, e qualora sintomatico o positivo al Covid-19, la possibilità di scegliere altro soggetto di fiducia;

– alcune Società e associazioni scientifiche Nazionali di ostetriche e ginecologi hanno espresso …  “Auspicabile presenza del partner (o in sua assenza persona di fiducia della donna) in travaglio e durante il parto, dopo adeguato triage clinico-anamnestico con rispetto delle distanze ed utilizzo dei DPI “ [4] [5].

Le scriventi Società Scientifiche sono pertanto ad esortare le dirigenze sanitarie, politiche ed amministrative a  tenere  conto di quanto indicato dalle evidenze scientifiche ed invitano  i decisori della pianificazione assistenziale a pensare, soprattutto in questo momento di fragilità della salute pubblica, all‘importanza della nascita ed alla sua valenza salutogenica  e quindi  a  come tutelarla  inderogabilmente in ogni suo aspetto biologico e  sociale ai fini del pieno rispetto del diritto delle donne e dei loro nascituri a cure di qualità prima, durante e dopo il parto e di una  società globalmente  più sana.

Per leggere l’articolo completo clicca qui

Progetti correlati: