INATTIVITÀ FISICA AUMENTA DI OLTRE IL 20% RISCHIO CARDIOVASCOLARE. E GLI ITALIANI NON SONO MESSI BENE: NELLA UE SIAMO TRA I PIÙ ‘PIGRI’”




23 Gen 2020

La raccomandazione contenuta nel nuovo Report dell’European Heart Network è per un’attività regolare di almeno 150 minuti a settimana di intensità moderata o 75 minuti a settimana di attività fisica ad intensità vigorosa o una combinazione equivalente. Secondo lo studio oltre il 40% degli italiani svolge un’attività fisica insufficiente. IL RAPPORTO

L’inattività fisica aumenta di oltre il 20% il rischio di malattie cardiovascolari. A dirlo è l’European Heart Network, in collaborazione con l’Ufficio europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili dell’Oms, in un rapporto sulle politiche di attività fisica per la salute cardiovascolare. Ogni anno, le malattie cardiovascolari causano 3,9 milioni di morti in Europa e oltre 1,8 milioni di morti nell’Unione Europea. Tuttavia, in Europa, si stima che il 25% delle donne e il 22% degli uomini siano fisicamente inattivi. E gli italiani sono tra i più ‘pigri’ con oltre il 40% della popolazione che svolge un’insufficiente attività fisica.

Leggi l’articolo completo su Quotidiano Sanità

Progetti correlati: